Sedia girevole regolabile in altezza Dialla Tessuto verde chiaro con motivo floreale

Crazy prices
3X con scalapay
53,67 €
quantità limitata !
161,00 €
Restano 3 articolo/i
In magazzino
Questo articolo è in magazzino al deposito. Lo riceverete con una tempistica che dipende dal tipo di spedizione prevista per il vostro articolo. Per saperne di più
Consegna tra 26 giugno e 02 luglio a partire da 49,00 € + info

La poltrona girevole regolabile in altezza Dialla, ornata da un elegante motivo floreale sul sedile, si fa notare per la sua audacia.
Il rivestimento in velluto verde chiaro conferisce alla sedia una consistenza lussuosa e una tonalità luminosa e rinfrescante. Lo schienale della sedia è ornato da un motivo floreale che aggiunge un tocco artistico unico e delicato al design.
La base girevole assicura una solida stabilità e permette alla sedia di ruotare di 360 gradi. Questa funzione offre una grande libertà di movimento. La funzione di regolazione dell'altezza rende la sedia facile da usare e da adattare a diversi tavoli o banconi.
La sedia Dialla può essere adattata a diversi ambienti, sia che si tratti di un ufficio, di una camera da letto o di uno spazio abitativo. Il suo design unico la rende un vero e proprio richiamo visivo.

  • Struttura dello schienale e del sedile: 100% pannello di particelle rivestito in melamina.
  • Tessuto di rivestimento: 100% POLIESTERE
  • Imbottitura: schiuma a 28 densità
  • Altezza regolabile
  • Materiali adatti a neonati/bambini
Maggiori Informazioni
Colore Verde chiaro
Dettagli del materiale Melaminico *, Poliestere Melaminico * : un materiale composito resistente e economico, spesso utilizzato per la produzione di mobili e oggetti decorativi. Poliestere : una fibra sintetica resistente e versatile, spesso utilizzata per la produzione di tessuti per la casa, abbigliamento e biancheria.
Seduta imbottita Si
Schienale imbottito Si
Seduta girevole Si
Dimensioni L58 x P60 x H92
Peso netto (kg)10.5
Dimensione Pacco Colis 1/1: 56 x 37 x 80 cm

Vi piacerà anche :

Clienti soddisfatti e chi lo dice